Zone-Laboratorio di Tecnologie & Teatro

ZoneGemma - La Città del Teatro
T&T
Zone-laboratorio di Tecnologi&Teatro
a cura di Giacomo Verde (zoneGemma)
 
4 incontri e 5 work shop
su teatro e tecnologie audiovisive
al Ridotto del Teatro Politeama di Cascina (PI)

febbraio/maggio 2005
 
------------------------------------------
 
Ven. 25 Febbraio, ore 17,30
INCONTRO CON MARCEL.LÌ ANTÙNEZ ROCA 
(Performer "mecatronico", fondatore de La Fura dels Baus)
www.marceliantunez.com
 
 
Gio. 17 Marzo, ore 17,30
INCONTRO CON JAROMIL
(Performer, Software Artist di Free-J, MuSe, dyne:bolic)
www.dyne.org
 
 
Gio. 14 Aprile, ore 17,30
INCONTRO CON ENZO ARONICA
(Regista e direttore artistico di n[ever]land percorsi al digitale)
www.neverlandonline.org
 
 
Sab. 23 Aprile, ore 18,00
INCONTRO CON MOTUS
(Equipe di teatro performativo "multivisionario")
In occasione dello spettacolo "L'ospite", Anna Maria Monteverdi
presenta Enrico Casagrande e Daniela Nicolò.
www.motusonline.it
 
----------------------------------------------------------------------------------
 
 
Sab. 5  /  Dom. 6  marzo 
ore 15>19 / 10>13
WORK SHOP di  Giacomo Verde
"Web-cam-teatro: tecniche e possibilità di performance on-line"
 
Sab. 9 /  Dom. 10 aprile
ore 15>19 / 10>13
WORK SHOP di Mauro Lupone
"Suono spazio e interazione tecnologica sulla scena"
con Andrea Brogi e Alessandro Frangioni
 
Sab. 23  /  Dom. 24 aprile
ore 14,30>17,30 / 10>14
WORK SHOP di  Giacomo Verde
"Hacker Teatro: dal Tele Racconto al V-jing teatrale"
 
Sab. 7 /  Dom. 8 maggio
ore 15>19 / 10>13
OPEN LAB di Mauro Lupone
"Motion capture e generazione audio"
con Andrea Brogi
 
Sab. 21  /  Dom. 22 maggio
ore 15>19 / 10>13
WORK SHOP di Mauro Lupone
"Audiovisione: il suono e l'immagine"
 
 Work shop per max 15 iscritti / contributo di 25 euro /  zonegemma@zonegemma.org
 
---------------------------------------------
 
Marcel.lí Antúnez Roca 
 
Marcel.lí Antúnez Roca è conosciuto in tutto il mondo per le sue performance "mecatroniche" e per le sue installazioni robotiche.
E' uno dei fondatori del gruppo La Fura dels Baus, in cui ha lavorato come coordinatore artistico, musicista e attore dal 1979 al 1989.
Negli anni novanta elabora, attraverso le sue opere, concetti come Bodybots (Robots di controllo corporale), Sistematurgia (Narrazione interattiva con computers) e Dreskeleton (interfaccia corporale in forma di vestito esoscheletrico). 
L'incorporazione trasgressiva di elementi scientifici e tecnologici, e la loro interpretazione tramite dispositivi unici e particolari, gli permette di creare una rinnovata cosmogonía, cruda e ironica, su argomenti classici come l'affetto, l'identità, l'escatología, o la morte. 
Le opere di Marcel.lí Antúnez Roca sono state presentate nei principali musei, teatri e festival di Europa, Giappone, Australia, America del nord e del sud.
 
----------------------------------
 
Jaromil
 
Programmatore di software libero, artista ed attivista dei media, performer e migrante. Connesso alla rete dal 1991, co-fondatore nel 1994 dell'associazione no-profit Metro Olografix, fondatore nel 2000 del laboratorio di sviluppo software libero dyne.org, sub-root per la comunità autistici.org / inventati.org sin dal 2001 ed attivista del collettivo di Indymedia italia. 
Programmatore UNIX autore di tre software liberi ed una distribuzione GNU/Linux: MuSE, FreeJ e HasciiCam, pionieristici nell'offrire nuove possibilità per le radio in rete e per la manipolazione video in tempo reale, ed infine dyne:bolic il CD avviabile completo di strumenti utili alla produzione multimediale. 
Co-autore di TUBOCATODICO, ha sviluppato il software per la performance Sophisticated Soiree (primo premio ZKM/intermedium02). E' programmatore e performer per la compagnia Giardini Pensili di Rimini e co-curatore dell'esposizione I LOVE YOU su virus software e codici sorgenti nel Museo delle Arti Applicate di Francoforte.
 
-------------------------------------
 
Enzo Aronica
 
Inizia la carriera artistica nel 1976.  Ha diretto numerosi lavori per il Teatro, con incursioni nel Cinema e nella Televisione. Nel 1982 ha iniziato a studiare regia e tecnica video presso la Royal Academy of Arts di Londra. In Cinema, inizia come assistente di Jean Pierre Ponnelle e Pasqualino De Santis (premio Oscar per la Fotografia) per "Rigoletto" di G. Verdi. Nel 1987 firma la sua prima regia teatrale. Come regista e autore di prosa privilegia sempre più la committenza di Festivals internazionali. Inoltre, ha firmato regie liriche, di opera da camera e opera buffa. Per la Spellbound Dance Company ha curato la regia multimediale per gli spettacoli "QUATTRO" (2003) e "STATI COMUNICANTI" (2004). 
Attualmente, sta curando il progetto video della prossima produzione del WYOMING DANCE THEATRE di New York. Dal giugno 2002,  è ideatore e Direttore artistico degli incontri internazionali di n[everl]and Percorsi al Digitale, dedicati all'evoluzione della tecnologia digitale nei mestieri dell'arte e della  comunicazione.
 
----------------------------------
 
MOTUS
Uno dei più importanti gruppi italiani della generazione "Teatri 90", fondato da Enrico Casagrande e Daniela Nicolò nel 1991 e ormai affermato a livello internazionale. Vincitori del Premio Ubu nel 1999 e nel 2002 i loro lavori sono regolarmente rappresentati a Santarcangelo dei Teatri, alla Biennale di Venezia, al Théatre Nationale de Bretagne. Riccione TTv ha dedicato loro una retrospettiva nel 2004. Con le loro opere i Motus si richamano al cinema, all'architettura, alla letteratura postmodern e di fantascienza (da Ballard a De Lillo). Hanno realizzato installazioni ("White noise", "Twin rooms"), film ("Splendid's") e video d'arte ("Orlando Furioso" vincitore nel 1999 del premio di Produzione Riccione TTV) ispirati ai loro spettacoli.  Il progetto teatrale "Rooms" iniziato nel 2000 in seguito a un viaggio negli Stati Uniti ha avuto una lunga elaborazione sfociata nell'allestimento definitivo dal titolo "Twin rooms" con numerosi schermi e video in scena. Nel 2002 comincia una nuova fase di studio e documentazione in vista del nuovo progetto produttivo dal titolo "L'Ospite" dedicato a Pier Paolo Pasolini con gigantesche proiezioni in una scena che imita lo schermo cinematografico. 
 
 
--------------------------------
 
Giacomo Verde 
 
Si definisce teknoartista. Riflettere sperimentando ludicamente sulle mutazioni tecno-antropo-logiche in atto è la sua costante. Ha collaborato con diverse formazioni artistiche come autore, attore, performer, musicista o regista, lavorando in principalmente in Europa. Si occupa di teatro e arti visive dagli anni 70. Dai primi anni 80 realizza "oper'azioni" collegate all'utilizzo creativo di tecnologia "povera": videoarte, tecno-performances, installazioni, laboratori didattici. E' l'inventore del "tele-racconto" (tecnica video-teatrale che coniuga narrazione, micro-teatro e macro ripresa in diretta, e sviluppata poi come Vj set per concerti e reading poetici); è tra i primi italiani ad occuparsi di arte interattiva e net-art indagandone le potenzialità performative nell'esperienza del  WEB-CAM-TEATRO. Co-fondatore di zoneGemma, laboratorio teatrale di cultura bio-tecnologica, ha recentemente realizzato il tecno-racconto STORIE MANDALICHE in collaborazione con La Città del Teatro. 
 
-----------------------------------
 
Mauro Lupone
 
Compositore e sound designer. Si occupa da anni dell'approfondimento e della divulgazione relativa al rapporto tra musica e nuove tecnologie, producendo anche lavori di arte elettronica in diversi contesti, dal teatro tecnologico alla musica elettronica, alla videoarte e alle installazioni multimediali.
Tra i fondatori del gruppo XEAR-Artinteractive e di ZoneGemma, insegna Sound Design all'Accademia di Belle Arti di Carrara e al Biennio di Specializzazione Tecnologico dell'Istituto Musicale Pareggiato di Lucca.  Tra i lavori recenti le sonorizzazioni degli spettacoli "dgHamelin.com" e "Storie Mandaliche".
 
----------------------------------------------------
 
Sab. 5  /  Dom. 6  marzo 
ore 15>19 / 10>13
WORK SHOP di  Giacomo Verde
"Web-cam-teatro: tecniche e possibilità di performance on-line"
 
Se consideriamo il teatro come la compresenza di attori e spettatori in uno stesso spazio-tempo e se intendiamo il pianeta Terra cone un unico spazio-tempo allora possiamo utilizzare il riquadro delle piccole immagini riprese dalle web-cam come se fosse un palcoscenico.
Il lavoro si articolera' in diverse fasi: conoscenza tecnica dell'uso della web-cam; esplorazione delle diverse modalità in cui viene normalmente usata la web-cam; prove di piccole performance
per la rete. 
 
 
Sab. 9 /  Dom. 10 aprile
ore 15>19 / 10>13
WORK SHOP di Mauro Lupone
"Suono spazio e interazione tecnologica sulla scena"
con Andrea Brogi e Alessandro Frangioni
 
Come sviluppare forme di intervento tecnologico che siano di ausilio alla gestione e allo sviluppo creativo del fenomeno sonoro in scena? Dalla dislocazione e diffusione dell'audio nello spazio a oggetti di interazione real-time per il controllo e il processamento del suono, il laboratorio intende esplorare lo stato dell'arte e realizzare con i partecipanti alcune applicazioni dedicate.
 
 
Sab. 23  /  Dom. 24 aprile
ore 14,30>17,30 / 10>14
WORK SHOP di  Giacomo Verde
"Hacker Teatro: dal Tele Racconto al V-jing teatrale"
 
Presentazione e sperimentazione delle diverse tecniche di creazione video-live, in rapporto ai diversi "generi performativi", elaborate da Giacomo Verde nel corso degli ultimi 10 anni.
La tecnologia usata sarà "low-tec", in modo da poter essere facilmente riutilizzabile anche da chi non ha particolari conoscenze video-informatiche, e parte dal semplice uso di una video camera fino all'integrazione di un PC con programmi di V-jing e web-cam.
 
 
Sab. 7 /  Dom. 8 maggio
ore 15>19 / 10>13
OPEN LAB di Mauro Lupone
"Motion capture e generazione audio"
con Andrea Brogi
 
Le tecniche di motion-capture come mezzo di relazione tra interprete, suono-parola e immagine digitale. L' utilizzo di un isoscheletro di controllo per la generazione di linguaggi digitali audio-video e la produzione realtime di operazioni di processamento del segnale.
 
Sab. 21  /  Dom. 22 maggio
ore 15>19 / 10>13
WORK SHOP di Mauro Lupone
"Audiovisione: il suono e l'immagine"
 
La relazione suono/immagine nell'esperienza cinematografica. Morfologie sonore, connotazioni percettive, sinestesie in una esplorazione in cui proporre una metodologia di osservazione e di analisi del fenomeno audiovisivo.