Cyber Rights Now!!! Netstrike - Web Protest for the Masses! Cyber Rights Now!!!


Netstrike for bandits!




netstrike for bandits!

A tutti i veri banditi
a tutti quelli che sentono incombere una taglia sulla propria testa
a tutti quelli che non vogliono restare nel saloon della new-economy
e' giunto il momento di lucidare le Colt
c'e' un conto da chiudere con lo sceriffo
e' giunto il momento di prendere d'assalto la diligenza delle istituzioni
basta con la censura !

Lunedi' 23 ottobre 2000
ore 15.00-18.00
obiettivo: www.comune.roma.it/index.htm

Banditi.
Lo scorso 2 ottobre il comune di Roma decideva di bandire dal proprio sito lo spazio che l'associazione AvANa animava nell'ambito della rete civica.

L'accusa quella di aver pubblicato materiale inadatto ad una rete comunale.

Tutto era nato a seguito dell'intervento del prete antipedofili Don Fortunato Di Noto che, con la compiacenza della stampa, ha ritenuto il libro "Lasciate che i bimbi" di Luther Blissett - un'inchiesta sul fenomeno pedofilia e sugli errori/orrori giudiziari che possono derivare da un approccio superficiale e sensazionalistico - regolarmente distribuito in libreria un testo pro-pedofilia.

Banditi.
Due giorni dopo lo stesso comune di Roma decideva di bandire dal proprio sito una pagine del sito del gruppo The Thing Roma che conteneva un intervista all'artista australiana Francesca da Rimini (alias Doll Yoko).

L'accusa che le immagini utilizzate per illustrare l'articolo non fossero adatte alla rete civica. Le immagini - tratte da un famoso lavoro di Web Art finanziato all'artista dall'Australia Council, vincitore di due premi internazionali e acquistato dallíUniversity of Westminster - erano state composte dall'artista utilizzando una stampa olandese del 1789, una delle prime illustrazioni dei romanzi del Marchese De Sade.

Banditi.
Lo stesso giorno veniva bandita dalla rete civica la rivista Namir, colpevole di aver ospitato una lettere di un portatore di handicap che si presentava come pedofilo per di mettere in risalto anche altri problemi riguardanti l'infanzia. Banditi.
Nei giorni successivi il Comune di Roma decide di bandire la ripubblicazione di protesta di "Lasciate che i bimbi" ad opera dell'associazione The Thing e dell'Osservatorio Diritti sulla Comunicazione.

Banditi.
Quelli che sono condannati al bando e privati dei diritti civili.

Banditi.
Il prossimo potresti essere tu.
La politica delle istituzioni è ormai distante anni luce da come la società civile vive la comunicazione in rete. Le modalità spettacolari e approssimative con cui vengono amministrate le reti civiche ne sono un tragico esempio. Quello che è successo a Roma ad opera di Mariella Gramaglia, responsabile del sito e vicedirettore generale del Comune, l'ultima dimostrazione.

Tutto questo non sarebbe un problema se questa classe politica non fosse la stessa che pretende di fare le leggi che regolano il funzionamento di Internet. Se espulsioni e censura diventano il mezzo attraverso cui amministrare la realtà, decidere ciò che può essere visto e ciò che non può essere visto, eliminare ogni minima dissidenza, allora è il momento di dimostrare che sulla rete i veri "banditi" sono loro. Sono loro che non hanno alcun diritto di partecipazione a quella comunità civile ed orizzontale che anima la grande rete.

Se siete stanchi di censura ed idiozia, se siete stanchi di emergenze e pericoli gonfiati, se vi sentite banditi o in procinto di esserlo, se pensate che sia venuto il momento di mostrare a chi governa chi sono gli agenti della vera comunicazione sociale, se avete voglia di unirvi a noi in questa protesta l'assalto e' dalle 15.00 alle 18.00 il 23 ottobre 2000 contro il sito del Comune di Roma www.comune.roma.it/index.htm

coordinamento su IRC su www.ecn.org #hackit99 (abilitate java sul vostro browser).

Quello che reclamiamo immediatamente sono le scuse ufficiali da parte del Sindaco del Comune di Roma ed il ripristino di tutte le pagine censurate.

AvANa Net
The Thing - Roma



Per maggiori informazioni : info@netstrike.it







Isole nella Rete - autonomous zone!

sito ospitato da Isole nella Rete